18 Lug 2014 | News

BetOnMath, quando gioco e matematica si incontrano

Il Politecnico di Milano ha lanciato un’iniziativa molto interessante che mira a coniugare il gioco con la matematica. BetOnMath è infatti un percorso ideato dai ricercatori dei laboratori di Modellistica e Calcolo Scientifico (Mox) e di Formazione, Didattica e Sperimentazione (Fds) del Dipartimento di Matematica che mira a curare alla radice i germi della ludopatia con un itinerario di formazione e sensibilizzazione sui banchi delle scuole superiori.

L’iniziativa ha avuto la prima fase sperimentale su un gruppo pilota di 22 insegnanti di matematica e 400 studenti e si allargherà nell’edizione al via ad ottobre fino a una “super classe” di 80 docenti e quasi 2mila allievi.

Il progetto vuole fornire gli strumenti per un’interpretazione più ragionata dei meccanismi probabilistici e decisionali che stanno alla base della dipendenza. Se le carte sono scoperte prima di iniziare, il “piacere” del gioco può restare solamente un mero piacere ludico senza degenerare in dipendenza.  La finalità quindi è quella di fornire delle basi che permettano di capire a una fetta importante di popolazione cosa fa e perché lo fa, proponendo un percorso che anticipi il problema dipendenza.
I concetti da cui si parte sono la bassa probabilità di vincere e l’iniquità del gioco (cioè il fatto che chi guadagna sul lungo termine è sempre il banco) stesso e la matematica in questo senso dimostra di “giocare” un ruolo anche nella società, mettendosi veramente a servizio pubblico.