Comunicati Stampa

Notizie e comunicazioni ufficiali dal mondo Acogi per conoscere le attività dell’Associazione.

«Attendiamo la sentenza della Corte di Giustizia e auspichiamo che l’intervento dei giudici comunitari dia certezza, evidenza e precisione all’interpretazione del diritto. Appare ardua la difesa dello Stato italiano, nel prosieguo della vicenda giudiziaria, per giustificare le molteplici e palesi criticità della gara del Lotto». Così Daniela Agnello, avvocato di Stanleybet, dopo le conclusioni di Eleanor Sharpston, avvocato generale della Corte Ue, sul caso sollevato dalla società inglese. La Corte di Giustizia Europea è stata chiamata a esprimersi sulla legittimità del bando per la gestione del Lotto del 2015, in seguito all’ordinanza di rinvio ricevuta dal Consiglio di Stato. L’Agnello ha dichiarato in una nota: «L’Avvocato Generale propone alla Corte di rispondere al primo quesito affermando, testualmente, che “un modello di concessione per la gestione di un’attività di gioco come il Lotto costituisce una limitazione del godimento delle libertà garantite”. La Sharpston (ndr) aggiunge che spetta alle autorità nazionali fornire elementi sufficienti a dimostrare sia le ragioni di interesse pubblico che sono alla base della scelta del modello monoproviding, sia la proporzionalità di tale modello rispetto agli scopi perseguiti». Secondo l’avvocato di Stanleybet «sarà un compito difficoltoso per lo Stato italiano dimostrare la sussistenza di tali elementi, tenuto conto che l’Avvocato Generale ha già escluso l’ammissibilità dei motivi quali l’incremento delle “entrate erariali” e le ragioni di “efficienza amministrativa”». Per quanto riguarda il quesito sul prezzo della concessione, l’Agnello sottolinea che l’Avvocato generale ritiene che «la restrizione agli artt. 49 e 56 TFUE risulta sproporzionata se il prezzo della concessione, in combinazione con le altre clausole della convenzione, sia “tale da rendere la partecipazione alla gara priva di attrattiva o addirittura impossibile per chiunque tranne che per il prestatore del servizio uscente”». Anche in questo caso «L’Avvocato Generale rimanda al giudice nazionale» la valutazione della posizione di Stanley: ovvero che «la previsione di una spropositata base d’asta pari ad euro 700 milioni (con possibilità di offerte a rialzo non inferiori a euro 3 milioni), di irragionevoli requisiti speciali e di inique ipotesi di decadenza hanno permesso di fatto la partecipazione alla procedura selettiva, soltanto al concessionario uscente». Sull’ultimo quesito, «l’Avvocato Generale è estremamente chiaro nel concludere che soltanto una decisione di tipo giurisdizionale e, in particolare, una sentenza di condanna di primo grado, può giustificare la decadenza della concessione del Lotto. Tale conclusione – conclude l’avvocato Agnello – evidenzia palesemente l’iniquità delle condizioni di gara, che prevedevano la decadenza della concessione per la semplice ipotesi di rinvio a giudizio».
Uff. Stampa Acogi

Sensibilizzare la coscienza civica, fare rete tra le istituzioni e le associazioni, educare gli adolescenti a credere nel proprio talento. Il sindaco di Bitonto, Michele Abbaticchio, spiega in un’intervista a noi di Acogi (Associazione consumatori operatori giochi Italia) il suo impegno sul territorio per la lotta alle dipendenze da gioco, consapevole che l’informazione e la collaborazione con le associazioni, come la nostra, siano le strategie più adatte per arginare un problema sociale difficilmente governabile con divieti e controlli.

DOMANDA – Di questi giorni le notizie di ordinanze comunali, da Nord a Sud Italia, su distanziometri e limiti orari. Lei cosa ne pensa?

RISPOSTA – Noi emettemmo la prima ordinanza in Puglia in fase sperimentale, di cui ne parlarono diverse testate nazionali, per il restringimento degli orari di apertura e chiusura eliminando le fasce di primissima mattina, quelle di pranzo e serali cioè quelle in cui i controlli tendono a calare e in cui i cittadini che percepiscono uno stipendio concentrano la spesa. Dopo questa ordinanza ci sono state diverse chiusure di sale da gioco che a ben vedere non rispettavano neanche le normative previste nell’ambito della loro attività. Parliamo del 2014.

DOMANDA – Eppure secondo l’Agenzia delle Dogane e dei Monopoli durante il primo semestre del 2017 i giochi d’azzardo a Bitonto hanno raccolto circa 24 milioni di euro in termini di soldi puntati e vincite ripuntate. Forse bisognerebbe agire in un altro modo?

RISPOSTA –  Io ho visto le ultime statistiche e, sulla provincia di Bari, Bitonto era in calo rispetto agli anni precedenti l’ordinanza. E’ chiaro che il problema è molto avvertito tant’è che negli ultimi tre anni abbiamo avviato un progetto con l’ambito di Bitonto e Palo del Colle che si chiama “Dipendi da te” in cui coinvolgiamo 70 studenti a rischio dipendenza, tra cui anche quella da gioco, coinvolgendoli in progetti di natura creativa, teatrale che gli facciano capire l’importanza di credere solamente nel proprio talento e non in altro. Pare stia dando risultati. Alla fine di questo percorso tengono uno spettacolo teatrale in cui lanciano un messaggio ai loro coetanei sulla valorizzazione del proprio talento e della propria personalità.

DOMANDA – Ha mai pensato che il cittadino in determinate fasce orarie potrebbe comunque giocare on line da casa?

RISPOSTA –  Certo, ma anche il Gratta e Vinci è molto pericoloso. per questo credo che l’importante sia avviare un percorso di educazione/formazione all’interno delle famiglie. Il problema è che se l’istituto famiglia crolla diventa tutto più difficile: la spesa sociale è sempre più alta, l’accoglienza nelle strutture minorili per quanto riguarda la città di Bitonto continua ad aumentare progressivamente quindi a pesare anche sul bilancio comunale e sono somme rilevanti in termini di percentuale assoluta. La crisi del settore famiglia credo sia una delle prime cause dell’aggravamento di tutte le problematiche sociali che stiamo vivendo. Quando parlo di crisi della famiglia non parlo di genitori separati ma proprio di funzione educativa che sempre più spesso viene declinata tendendo a delegare alla scuola, a strutture private e persino alla libera dipendenza dei ragazzi.

DOMANDA – Ha mai verificato quanti malati di gioco siano in cura presso il Sert di Bitonto, sempre che, il Sert di Bintonto, si occupi di questo problema?

RISPOSTA – Sì, in alcuni casi si occupa. I dati sono raccolti dall’ufficio dei servizi sociali in una banca dati assolutamente riservata, informatizzati e schedati secondo tipologie e criticità. Parliamo di 500/ 600 persone seguite dai servizi sociali per vari problematiche tra cui anche la dipendenza da gioco.

DOMANDA – Oltre all’ordinanza restrittiva sulle fasce orarie, cosa fa concretamente il Comune di Bitonto per la lotta alla ludopatia? Ci sono fondi previsti in bilancio? Esiste uno sportello a cui rivolgersi?

RISPOSTA – Noi collaboriamo con la Fondazione antiusura di don Alberto D’Urso di cui siamo soci fondatori e che sosteniamo anche finanziariamente; uno sportello presso il quale si può prendere appuntamento che ha la sede fisica nella Fondazione dei SS Medici. Qui diverse persone si rivolgono per farsi consigliare e sostenere con l’aiuto di psicologi esterni. Per quanto riguarda l’antiracket siamo fondatori di un’altra associazione in collaborazione con la Prefettura all’arma dei Carabinieri che opera nel settore, al quale è strettamente collegato il fenomeno gioco. Spesso si finisce in grossi guai finanziari chiedendo prestiti con tassi di interessi elevati.

DOMANDA – Avete mai partecipato a bandi regionali, avete previsto dei fondi in bilancio?

RISPOSTA –  Nel progetto “Dipendi da te” investiamo 100 mila euro l’anno.

DOMANDA – A Bitonto non sono rispettate le distanze dai luoghi sensibili. Perchè?

RISPOSTA – No, non mi risulta. Anzi, ricordo che ci fu fatto un richiamo per una casa da gioco in via de Ilderis troppo vicina a luoghi sensibili e di fatto fu effettuata la chiusura dopo appena un mese di attività. Se ci sono segnalazioni specifiche io mi interesso con la Guardia di Finanza e le forze dell’Ordine per attivare i controlli.  Ma ad oggi non ho avuto segnalazioni oltre questo caso specifico.

DOMANDA – Dunque lei è aperto alla collaborazione con le associazioni sul territorio per far fronte a questo problema’?

RISPOSTA –  Certo. Io non so quanti Comuni prevedano in bilancio ogni anno fondi per il problema dipendenze, sostengano due associazioni diverse con due sportelli diversi, antiusura e antiracket, che lavorino sulle ordinanze restringendo i limiti. Non dico che abbiamo fatto tutto però l’attenzione è molto alta. Tra l’altro la spesa sociale sul nostro bilancio, dopo quella dei rifiuti, è quella che pesa di più.

DOMANDA – In questi giorni il decreto Dignità sta sollevando numerose polemiche. Lei è per l’informazione o il divieto?

RISPOSTA –  Per l’informazione perché purtroppo quando si effettuano i divieti bisogna essere sicuri di avere i sistemi di controllo atti a farli rispettare. Lei ha fatto l’esempio dell’online che è assolutamente ingovernabile dal punto di vista del controllo da parte delle strutture comunali e le forze dell’ordine. Viceversa se avessi fondi a disposizione per entrare nelle famiglie e supplire a quel ruolo educativo che viene meno allora la situazione cambierebbe completamente. E’ un male che abbiamo costituito a livello statale, lo Stato stesso riceve sovvenzionamenti dalla legalizzazione del gioco di azzardo e quindi l’unico modo, come per le sigarette, è quello di investire dei fondi per convincere le persone a non fumare o non giocare evidenziando rischi e danni. Non è un problema governabile con controlli ma si può sensibilizzare una coscienza civica.

La Redazione: ACOGI


La Società S. affiliata Betsolution che aveva sede in Barletta e che operava nel comparto scommesse sportive operava in maniera lecita. Questo ha stabilito il Tribunale di Trani che ha assolto il titolare dell’agenzia accusato di aver operato senza le necessarie autorizzazioni.
LEGGI TUTTO IL COMUNICATO STAMPA, CLICCA QUI: Com26Mar2018


Il Tribunale del riesame di Perugia nella seduta collegiale del 20/03/2018 ha disposto il dissequestro di tutte le attrezzature sottoposte al provvedimento restrittivo reale dalla Guardia di Finanza di Perugia di concerto con L’AAMS di Perugia a due centri affiliati alla società Austriaca Softbet24.

LEGGI TUTTO IL COMUNICATO STAMPA, CLICCA QUI: Com22Mar2018


La Corte Costituzionale, con la sentenza n.27 del 2018, ha inteso dare risposta ai quesiti formulati  in ordine alla legittimità costituzionale dell’Imposta Unica sulle scommesse e i concorsi pronostici, tra i quali l’art.1, comma 66, lettera b, della legge 13 dicembre 2010, n.220 (legge di stabilità 2011), che recita:

comma 66.

  1. b) l’articolo 3 del decreto legislativo 23 dicembre 1998, n. 504, si interpreta nel senso che soggetto passivo d’imposta è chiunque, ancorché ́ in assenza o in caso di inefficacia della concessione rilasciata dal Ministero dell’economia e delle finanze-Amministrazione autonoma dei monopoli di Stato, gestisce con qualunque mezzo, anche telematico, per conto proprio o di terzi, anche ubicati all’estero, concorsi pronostici o scommesse di qualsiasi genere. Se l’attività è esercitata per conto di terzi, il soggetto per conto del quale l’attività è esercitata è obbligato solidalmente al pagamento dell’imposta e delle relative sanzioni.

LEGGI TUTTO IL COMUNICATO STAMPA, CLICCA QUI: Com08Mar2018


Il Tribunale di Trani ancora una volta torna ad occuparsi dei centri scommesse ed in particolare in favore questa volta di due centri affiliati rispettivamente al Bookmaker Planet win e Goldbet.

LEGGI TUTTO IL COMUNICATO STAMPA, CLICCA QUI: Com12Dic2017


Sono state depositate le motivazioni della sentenza con la quale lo scorso 12/01/2017 il Tribunale Marchigiano decideva per l’assoluzione del titolare di un Ctd affiliato alla società Betsolution4U e operante in Ascoli Piceno a far data dall’ 11.03.2015.

LEGGI TUTTO IL COMUNICATO STAMPA, CLICCA QUI: Com21Luglio2017


Gli spettacoli “La gabbianella e il gatto” delle classi I A, I D e I F e “Le avventure di Pinocchio” delle classi IB, I C e I E dell’Istituto Comprensivo “V. F. Cassano-A. De Renzio” andranno in scena rispettivamente mercoledì 7 giugno 2017 e giovedì 8 giugno 2017 alle ore 18.30 presso l’Auditorium della Basilica dei SS. Medici di Bitonto.

LEGGI TUTTO IL COMUNICATO STAMPA, CLICCA QUI: Com07Giugno2017

 


Il giudice monocratico del Tribunale di Bari ha assolto l’imputato, ex titolare di un centro scommesse affiliato alla nota multinazionale Goldbet, per fatto risalente a maggio 2011 cui era stato contestato ex art. 4 co. 1, 4 bis e 4 ter legge 401/89.

LEGGI TUTTO IL COMUNICATO STAMPA, CLICCA QUI: Com9maggio2017


Il quadro giurisprudenziale in materia di scommesse si pregia di un importante pronuncia del 16.11.2016 della Suprema Corte di Cassazione, Terza Sezione Penale, che ha annullato, con rinvio per un nuovo esame al tribunale di merito, l’ordinanza con cui il Tribunale di Trani aveva rigettato l’istanza di Riesame del decreto di convalida del sequestro probatorio eseguito ai danni di un’agenzia affiliata alla Società Betsolution4U Ltd.

LEGGI TUTTO IL COMUNICATO STAMPA, CLICCA QUI: Com21Mar2017