13 Mar 2015 | Acogi per il Sociale

Grande successo per lo spettacolo “Cinecittà”: l’Acogi in prima fila

foto 7 foto 9-2

 

IMG-20150313-WA0026

 

Grande spettacolo di Christian De Sica a Taranto! Sold out per lo show e ottimo successo per l’Acogi presente all’evento come main sponsor.

A prendere parte alla manifestazione i membri dell’Osservatorio contro il gioco patologico dell’Acogi che hanno potuto salutare l’artista prima dello spettacolo e scambiare due chiacchiere con lui, prima di spostarsi al desk dove l’Associazione ha accolto i soci presenti, ha distribuito materiale informativo e ha raccolto nuove adesioni all’associazione. 

Dopo la sponsorizzazione di eventi culturali e sportivi, l’Associazione dimostra il proprio interesse per importanti manifestazioni artistiche: la magia degli Studios di Cinecittà ha rivissuto in un appassionante spettacolo scritto da uno dei suoi “figli”, Christian De Sica. Il regista e attore romano ha portato a teatro un musical elegante che omaggia, tra comicità e sentimento, i personaggi e i film che hanno reso grande il cinema italiano nel mondo. Il legame tra Christian e la città del cinema è intenso ed è meravigliosamente espresso nello spettacolo soprattutto quando l’attore ha parlato del padre Vittorio, della madre Maria Mercader, dello “zio” Alberto Sordi e di tanti amici che ha potuto conoscere e amare, come il grande Roberto Rossellini e l’indimenticabile Federico Fellini.

La scelta di questa partnership, per l’Acogi, non è casuale e si inserisce nell’attività di comunicazione che l’associazione sta portando avanti a favore del gioco responsabile e della conoscenza dei rischi del gioco patologico: nello spettacolo, infatti, Christian De Sica, ripercorrendo la sua vita a Cinecittà, rivive il rapporto con suo padre, Vittorio di cui è nota la grande passione, e probabilmente la dipendenza dal gioco, per il quale si trovò a perdere somme anche ingenti di denaro e che non nascose mai ma riportò, con autoironia, in diversi suoi personaggi cinematografici, come ad esempio in Il conte Max o L’oro di Napoli.

Il tema del gioco patologico e della prevenzione sta particolarmente a cuore all’Acogi che, con forza sostiene la necessità di interventi di prevenzione, tutela dei minori e del gioco sano sin dalla tenera età. Argomenti particolarmente attuali che hanno bisogno del lavoro sinergico di istituzioni, enti locali, associazioni e cittadini e di cui l’Acogi si fa promotore in molte attività ed eventi promossi sul territorio pugliese.