Cassazione: il giocatore è un consumatore a tutti gli effetti


3 marzo 2016 | Attualità
segnaposto
"Non esiste un disfavore dell'attuale ordinamento giuridico italiano nei confronti del gioco in quanto tale, ma soltanto l'esigenza di opportuni controlli perchè esso non si esponga a infiltrazioni criminali, cosi che la loro gestione da parte della Pubblica Amministrazione costituisce una prestazione di servizi, come intesa nel Trattato della Comunità Europea.": cosi ha concluso la Corte di Cassazione nella sua recente ordinanza, capovolgendo la tradizionale impostazione dei problemi connessi al gioco d'azzardo autorizzato e con il gioco in generale.
La Suprema Corte ha ripreso la posizione della Corte di Giustizia Europea, che sostiene che se le autorità inducono i consumatori a partecipare a lotterie e scommesse, affinchè ne benefici l'erario, non possono invocare l'ordine pubblico per giustificare interventi repressivi. Essa prosegue dicendo che "avuto riguardo al gioco autorizzato, in quanto gestito direttamente dallo Stato o dai suoi concessionari devono trovare applicazione le ordinarie norme poste a tutela dell'esercizio dell'impresa". Quindi, il gioco di Stato deve essere considerato e trattato come una normale prestazione di servizi. La conseguenza più importante è che il giocatore viene considerato come un consumatore e al rapporto di gioco si applica il Codice del Consumo.

Condividi

Sostieni ACOGI Onlus

Mondo Acogi

Contatti

ACOGI Onlus
Via Giacomo Matteotti, 95 - 70032 Bitonto (BA)

Tel./Fax: (+39) 080 3741336

Email informazioni: Abilita JavaScript per visualizzare il contenuto protetto.
Email Ufficio Stampa: Abilita JavaScript per visualizzare il contenuto protetto.

Newsletter

Iscriviti alla newsletter per ricevere novità e aggiornamenti da ACOGI.


© 2014 - 2020 ACOGI Onlus | P. Iva 90051490093 - Privacy Policy - Credits