Frodi sportive: interviene la Lega B


10 aprile 2014 | Attualità
segnaposto

Il match fixing è avvertito nel mondo del calcio? Quali sono i motivi di questo problema? Cosa fare per risolverlo? A queste e ad altre domande hanno risposto 500 fra giocatori, allenatori e addetti ai lavori della Serie B.

Il report, con le relative soluzioni è stato presentato nei giorni scorsi, portando avanti il percorso iniziato un anno fa dalla Lega Serie B e da Trasparency Italia per la lotta al matchfixing. È la parte italiana di un progetto comunitario, e finanziato dall’Unione europea, che coinvolge cinque leghe pilota le quali conducono studi separati per poi procedere al confronto.

Partecipano, insieme al presidente della Lega Serie B Andrea Abodi, ai rappresentanti di Trasparency Italia Paolo Bertaccini e a quello di Trasparency international Sylvia Schenk, il presidente della Figc Giancarlo Abete, l'ex giocatore del Gubbio Simone Farina (tra i primi a denunciare un tentativo di illecito e diventato poi un simbolo della lotta al calcioscommesse), il vice capo della Polizia Francesco Cirillo e il capo Ufficio sport presso la Presidenza del Consiglio dei Ministri Giovanni Panebianco.

Le frodi sportive rappresentano una terribile piaga che, nel nostro Paese, si intreccia alle scommesse sportive: i non addetti ai lavori, infatti, addebitano alle scommesse la causa di questo fenomeno, e tuttavia è stato certificato che i casi esaminati non si rivolgono al mercato italiano del petting, bensì a quello asiatico, molto meno controllato.


Condividi

Sostieni ACOGI Onlus

Mondo Acogi

Contatti

ACOGI Onlus
Via Giacomo Matteotti, 95 - 70032 Bitonto (BA)

Tel./Fax: (+39) 080 3741336

Email informazioni: Abilita JavaScript per visualizzare il contenuto protetto.
Email Ufficio Stampa: Abilita JavaScript per visualizzare il contenuto protetto.

Newsletter

Iscriviti alla newsletter per ricevere novità e aggiornamenti da ACOGI.


© 2014 - 2020 ACOGI Onlus | P. Iva 90051490093 - Privacy Policy - Credits