Gioco patologico: oggi a Roma riunione del CNR


20 febbraio 2015 | Attualità
segnaposto

Si tiene oggi a Roma il congresso dal titolo "Gioco d'Azzardo Patologico (GAP): dalla Neurobiologia Sperimentale alla Clinica" presso l'Aula Convegni Cnr Piazzale Aldo Moro.
Si tratta di un'appuntamento che mira a raccogliere i più rilevanti contributi da esperti internazionali e nazionali con argomentazioni che vanno dalla sperimentazione farmacologica al trattamento clinico sui pazienti, e che realizzerà una "contaminazione diretta" in merito alle recenti e più efficaci strategie nella gestione e nella cura della problematica.
Vi sarà inoltre una tavola rotonda con diverse realtà nazionali per discutere delle indicazioni applicative che riguardano le amministrazioni locali, regionali e sanitarie.
Neurogap vuole assumere una nuova dimensione di presa in carico di un disagio dilagante che merita un intervento puntuale e multidisciplinare, su base scientifica, che ponga la persona al centro dell'azione di cura per ristabilire benessere personale e sociale, e contemporaneamente esercitare un'azione culturale condivisa e comunicativa a tutela delle fasce vulnerabili e sensibili dell'intera comunità nazionale.

LE BASI

Il Gap è spesso associato all'uso di sostanze stupefacenti, all'abuso alcolico e alla presenza di patologie psichiatriche. Colpisce particolarmente i giovani, sebbene gli adulti e gli anziani non ne siano esenti. Queste considerazioni, unite al corretto dimensionamento del fenomeno (per mezzo di osservazioni scientifiche) che ha raggiunto livelli di guardia per le ricadute patologiche con cui si manifesta, sia in ambito sanitario che sociale, rendono necessaria l'attivazione di strategie e linee d'azione coordinate, scientificamente orientate e finalizzate alla prevenzione, alla cura e alla riabilitazione. Tali strategie e linee d'azione dovranno essere indirizzate, da un lato, alla filiera del gioco legale distribuita sul territorio nazionale, dall'altro, alle istituzioni socio-sanitarie cui competono le attività di cura e di recupero delle persone con diagnosi di gioco d'azzardo patologico.
In tale ambito nasce il progetto Neurogap che si pone come obiettivo generale la creazione di una rete nazionale, coordinata e istituzionale per la ricerca sul gioco d'azzardo patologico e sulle patologie a esso correlate nell'ambito delle neuroscienze, delle scienze del comportamento e sociali, anche in collaborazione con realtà internazionali.

I DATI

Il gioco d'azzardo nel nostro Paese ha assunto dimensioni rilevanti (stime recenti indicano tra i 300milia e il milione e mezzo i giocatori patologici, e tra i 700mila e i 2,2 milioni i giocatori problematici), seppure non ancora ben definite, e ha attratto una lunga sequela di azioni pubblicitarie marchiate dalla frase "gioca responsabilmente". Il gioco d'azzardo porta con sé un rischio che, in particolari gruppi di persone ad alta vulnerabilità, può sfociare in una vera e propria dipendenza comportamentale, il Gioco d'azzardo patologico - Gap. Questo profilo assume toni di un disturbo ossessivo compulsivo, ovvero un insieme di azioni che possono portare gravi disagi per la persona, derivanti dall'incontrollabilità del proprio comportamento di gioco e contemporaneamente la possibilità di generare gravi problemi sociali e finanziari come una qualsiasi forma di tossicodipendenza.


Condividi

Sostieni ACOGI Onlus

Mondo Acogi

Contatti

ACOGI Onlus
Via Giacomo Matteotti, 95 - 70032 Bitonto (BA)

Tel./Fax: (+39) 080 3741336

Email informazioni: Abilita JavaScript per visualizzare il contenuto protetto.
Email Ufficio Stampa: Abilita JavaScript per visualizzare il contenuto protetto.

Newsletter

Iscriviti alla newsletter per ricevere novità e aggiornamenti da ACOGI.


© 2014 - 2021 ACOGI Onlus | P. Iva 90051490093 - Privacy Policy - Credits