• Home
  • News
  • Attualità
  • Il Tar Lombardia blocca l'ordinanza sugli orari per le sale scommesse

Il Tar Lombardia blocca l'ordinanza sugli orari per le sale scommesse


30 ottobre 2014 | Attualità
segnaposto

Il Tar della Lombardia ha accolto il ricorso presentato da un'azienda che gestisce gioco contro l'ordinanza del Comune di Milano che limita l'orario per le slot, decidendo la sospensiva del provvedimento e fissando la discussione in camera di consiglio per il 19 novembre.

L'ordinanza del sindaco del 15 ottobre 2014 sulla "Disciplina comunale degli orari di esercizio delle sale giochi autorizzate e degli orari di funzionamento degli apparecchi con vincita in denaro installati negli esercizi autorizzati" limitava gli orari dell'apertura delle sale giochi e scommesse dalle 9 alle 12 e dalle 18 alle 23.

Per i giudici amministrativi, «il ricorso pare allo stato fondato, non essendo gli interessi pubblici indicati nella motivazione dell'impugnata ordinanza» riconducibili a quelli di sicurezza, libertà, dignità umana, utilità sociale e salute.

«Si configurano gli estremi del grave pregiudizio indotto dalla disattivazione degli apparecchi d'intrattenimento - scrivono i magistrati - in funzione nell'agenzia di scommesse gestita dalla ricorrente». Per questo motivo, la prima sezione del Tar lombardo ha accolto nel suo decreto la domanda cautelare.


Condividi

Sostieni ACOGI Onlus

Mondo Acogi

Contatti

ACOGI Onlus
Via Giacomo Matteotti, 95 - 70032 Bitonto (BA)

Tel./Fax: (+39) 080 3741336

Email informazioni: Abilita JavaScript per visualizzare il contenuto protetto.
Email Ufficio Stampa: Abilita JavaScript per visualizzare il contenuto protetto.

Newsletter

Iscriviti alla newsletter per ricevere novità e aggiornamenti da ACOGI.


© 2014 - 2020 ACOGI Onlus | P. Iva 90051490093 - Privacy Policy - Credits