La malattia da gioco: circostanza attenuante della pena


8 giugno 2015 | Attualità
segnaposto

Dopo la collocazione della dipendenza da gioco nell'alveo delle "malattie", il disturbo del controllo degli impulsi diviene oggetto di discussione nelle aule di Tribunale.

In particolare, i giudici della Corte di Appello di Trento, dopo l'annullamento con rinvio della Corte di Cassazione, hanno ridotto la pena ad un imputato riconoscendo applicazione nel caso di specie della "malattia da gioco" quale circostanza attenuante della pena. La dipendenza psicologica da gioco d'azzardo avrebbe compromesso la capacità di autodeterminazione dell'agente. L'uomo, condannato in primo grado a dieci anni di reclusione oggi beneficerà di una rideterminazione della pena in sei anni e otto mesi di reclusione.


Condividi

Sostieni ACOGI Onlus

Mondo Acogi

Contatti

ACOGI Onlus
Via Giacomo Matteotti, 95 - 70032 Bitonto (BA)

Tel./Fax: (+39) 080 3741336

Email informazioni: Abilita JavaScript per visualizzare il contenuto protetto.
Email Ufficio Stampa: Abilita JavaScript per visualizzare il contenuto protetto.

Newsletter

Iscriviti alla newsletter per ricevere novità e aggiornamenti da ACOGI.


© 2014 - 2020 ACOGI Onlus | P. Iva 90051490093 - Privacy Policy - Credits