Ludopatia: la dipendenza riconosciuta potrebbe evitare gli sfratti


20 novembre 2014 | Attualità
segnaposto

Ormai da oltre un anno la Commissione Affari sociali della Camera è impegnata nell’esame delle proposte di legge sulle ludopatie, è il disegno di legge proposto dall'on. Paola Binetti del movimento politico Per L'Italia.

Le iniziative previste dalla norma sono finalizzate a riconoscere il gioco d’azzardo compulsivo tra le patologie che danno dipendenza e ad introdurre misure volte ad assicurare una tutela dei soggetti affetti dalla stessa. Una previsione, contenuta nella norma, dispone la modifica dell’art. 6, comma 5, della legge n. 431/’98, in tema di rilascio degli immobili, ossia, dello sfratto.

Con tale previsione, i presentatori intendono rimandare l’esecuzione dei provvedimenti di rilascio degli immobili adibiti a uso abitativo nell’eventualità in cui il soggetto a cui lo sfratto è rivolto sia affetto da disturbi da gioco d’azzardo patologico.

Confedilizia, associazione che rappresenta i proprietari immobiliari, ha dichiarato di essere preoccupata di fronte a tale previsione, che da una parte incrementerebbe le difficoltà per i proprietari di rientrare nella piena disponibilità dei propri beni, e dall’altra introdurrebbe una fattispecie di difficile individuazione. Tale norma non ha comunque trovato spazio nel testo unificato predisposto dalla Commissione, eppure rimane una possibilità.


Condividi

Sostieni ACOGI Onlus

Mondo Acogi

Contatti

ACOGI Onlus
Via Giacomo Matteotti, 95 - 70032 Bitonto (BA)

Tel./Fax: (+39) 080 3741336

Email informazioni: Abilita JavaScript per visualizzare il contenuto protetto.
Email Ufficio Stampa: Abilita JavaScript per visualizzare il contenuto protetto.

Newsletter

Iscriviti alla newsletter per ricevere novità e aggiornamenti da ACOGI.


© 2014 - 2020 ACOGI Onlus | P. Iva 90051490093 - Privacy Policy - Credits