Ludopatico commette truffe e furti: condannato a 6 anni di carcere


13 gennaio 2015 | Attualità
segnaposto

Dove può condurre il gioco patologico in alcuni casi? Una malattia potenzialmente senza argini se non riconosciuta per tempo che rischia di distruggere patrimoni famigliari, compromettere relazioni affettive e portare al carcere.

Era incensurato fino al 2012, Stefano Cremaschi, di 45 anni, maestro di tennis, e ha iniziato a commettere furti e truffe per la sua dipendenza da gioco d'azzardo. Non ha dato peso alla situazione e non si è mai difeso esprimendo l'ineluttabilità della dipendenza ed è finito in carcere dopo aver accumulato sei anni di pena, dimezzati per la continuazione. «Ora aspettiamo il Sert e la comunità», ha dichiarato il suo avvocato Stefano Gubernati.

L'ultimo colpo ,appropriazione di un bancomat di un amico, gli ha portato una condanna a 4 mesi.

«Appena riusciva a ottenere del denaro andava a giocarlo alle corse di cavalli», ha detto anche il suo avvocato. Il maestro di tennis ha commesso 12 truffe ai danni di tabaccai convinti a ricaricare la carta Postepay di Cremaschi senza ricevere il contante (un anno, un mese e dieci giorni di carcere e 1.200 di multa) e il furto di una borsetta contenente 20 euro ai danni di un'impiegata della casa di riposo Refuge Pere Laurent (un anno di reclusione e 500 euro di multa).


Condividi

Sostieni ACOGI Onlus

Mondo Acogi

Contatti

ACOGI Onlus
Via Giacomo Matteotti, 95 - 70032 Bitonto (BA)

Tel./Fax: (+39) 080 3741336

Email informazioni: Abilita JavaScript per visualizzare il contenuto protetto.
Email Ufficio Stampa: Abilita JavaScript per visualizzare il contenuto protetto.

Newsletter

Iscriviti alla newsletter per ricevere novità e aggiornamenti da ACOGI.


© 2014 - 2020 ACOGI Onlus | P. Iva 90051490093 - Privacy Policy - Credits