Regolamentazione del gioco pubblico Italiano


8 febbraio 2017 | Attualità
segnaposto

Tutti i paesi del mondo sono interessati al mercato del gioco pubblico italiano sia in termini di business che di regolamentazione.

Per evitare la diffusione del gioco illecito che mette a rischio la salute dei cittadini e genera l'evasione fiscale si introduce una regolamentazione.

Questi sono stati i punti fondamentali discussi all'Italy Briefing: Seminario ospitato dalla Fiera ICE Totally Gaming di Londra e dedicato al gioco pubblico italiano.

Anche i paesi più ostili nei confronti del gioco hanno introdotto una legislazione specifica: Olanda, Germania, Svizzera e Stati Uniti.

Regolamentare è più efficace che vietare ma è necessario capire in che modo bisogna intervenire per evitare disagi sociali.

Ed è in questo che l'Italia è risultata carente in quanto non è stato ancora raggiunto un accordo tra Stato ed Enti locali.

Per tale motivo, l'Italia potrebbe incorrere in delle sanzioni o in situazioni peggiori nei confronti dell'Europa.

Paolo Baretta ha dichiarato: "senza un accordo con gli Enti locali non ci sarà nessuna riforma rischiando il collasso dell'intero sistema".

Non conviene a nessuno perpetrare questo ostracismo nei confronti di una regolamentazione: non conviene al Governo per la mancata emanazione dei bandi e non conviene all'Industria.

Non avranno torto le imprese estere se non vorranno investire nel nostro paese se sussisterà ancora questa situazione.

 

 


Condividi

Sostieni ACOGI Onlus

Mondo Acogi

Contatti

ACOGI Onlus
Via Giacomo Matteotti, 95 - 70032 Bitonto (BA)

Tel./Fax: (+39) 080 3741336

Email informazioni: Abilita JavaScript per visualizzare il contenuto protetto.
Email Ufficio Stampa: Abilita JavaScript per visualizzare il contenuto protetto.

Newsletter

Iscriviti alla newsletter per ricevere novità e aggiornamenti da ACOGI.


© 2014 - 2020 ACOGI Onlus | P. Iva 90051490093 - Privacy Policy - Credits