Sale giochi prese di mira dalla microcriminalità locale


11 agosto 2014 | Attualità
segnaposto

Rapina ieri sera poco prima della mezzanotte ad una sala giochi di Sesto Fiorentino in provincia di Firenze: un uomo ha minacciato il cassiere e si è fatto consegnare l'incasso ed i soldi che erano in una cassetta di sicurezza, in tutto circa 9.000 euro con i quali è fuggito facendo perdendo le sue tracce. L'uomo, con indosso un casco che gli copriva il volto, ha intimato di consegnargli i soldi impugnando qualcosa che al cassiere è sembrata una pistola: in quel momento alla cassa, che in un ambiente separato dalle stanze in cui si trovano le slot-machine, c'era solo lui. Subito dopo la fuga del rapinatore il cassiere ha dato l'allarme e sul posto sono intervenuti gli agenti delle volanti e della scientifica. Si tratta di un fatto di cronaca che lascia evidenziarsi un'emergenza galoppante: quella che riguarda tutti i punti vendita di gioco pubblico in cui molto spesso soprattutto a fine giornata i contanti ammontano ad alcune migliaia di euro e rappresentano un ghiotto bottino soprattutto per la microcriminalità locale. Sistemi di videosorveglianza potrebbero in parte disincentivare i rapinatori, anche perché in molti casi si tratta di rapinatori del luogo già noti alle forze dell'ordine e quindi di facile identificazione. Dopo farmacie e tabaccherie, dunque, le sale giochi rappresentano l'ultima frontiera del denaro facile per piccoli criminali di città che possono facilmente reperire contanti.


Condividi

Sostieni ACOGI Onlus

Mondo Acogi

Contatti

ACOGI Onlus
Via Giacomo Matteotti, 95 - 70032 Bitonto (BA)

Tel./Fax: (+39) 080 3741336

Email informazioni: Abilita JavaScript per visualizzare il contenuto protetto.
Email Ufficio Stampa: Abilita JavaScript per visualizzare il contenuto protetto.

Newsletter

Iscriviti alla newsletter per ricevere novità e aggiornamenti da ACOGI.


© 2014 - 2020 ACOGI Onlus | P. Iva 90051490093 - Privacy Policy - Credits