• Home
  • News
  • Attualità
  • Scommesse: allo Stato il residuo dei conti gioco fermi da più di tre anni

Scommesse: allo Stato il residuo dei conti gioco fermi da più di tre anni


31 luglio 2014 | Attualità
segnaposto

Saranno destinati allo Stato i saldi dei conti di gioco dei concessionari online fermi da almeno tre anni. Come riporta Italia Oggi, con la risoluzione n. 78/E approvata in questi giorni l’Agenzia delle entrate ha istituito il codice tributo che i concessionari dovranno utilizzare per devolvere all’erario gli importi dormienti.

I conti gioco sono dei contratti tra operatore e scommettitore attraverso i quali avviene il rapporto di scommessa e riscossione delle vincite. Ed è previsto che i conti non attivi per 36 mesi siano chiusi e l'importo giacente sia versato all'Erario.

Lotta al gioco clandestino e al riciclaggio: l’obbligo di chiusura e riversamento dei conti silenti infatti è stata inserito nell’ordinamento dal legislatore con la legge comunitaria 2008 al fine di prevenire e combattere il gioco illegale, nonché l’impiego nei circuiti autorizzati di denaro di provenienza illecita. In caso di inadempimento l'operatore rischia la sospensione della licenza e la revoca definitiva alla terza violazione.


Condividi

Sostieni ACOGI Onlus

Mondo Acogi

Contatti

ACOGI Onlus
Via Giacomo Matteotti, 95 - 70032 Bitonto (BA)

Tel./Fax: (+39) 080 3741336

Email informazioni: Abilita JavaScript per visualizzare il contenuto protetto.
Email Ufficio Stampa: Abilita JavaScript per visualizzare il contenuto protetto.

Newsletter

Iscriviti alla newsletter per ricevere novità e aggiornamenti da ACOGI.


© 2014 - 2020 ACOGI Onlus | P. Iva 90051490093 - Privacy Policy - Credits